Cotton Fioc? Meglio di no!

Cotton Fioc? Meglio di no!

Giovanni Vitali Rosati

Giovanni Vitali Rosati

Pediatra
Contenuto selezionato da Pediatotem

Servono davvero?

Nati intorno agli anni 20, sono diventati un classico in molte famiglie per la pulizia delle orecchie.
Ma è un errore, in caso potrebbero essere usati solo per la pulizia del padiglione auricolare esterno e non inseriti nel canale auricolare. Se inseriti nel condotto, infatti, possono compattare il cerume e favorire la formazione del tappo.

Ma il cerume è utile?

Il cerume è una sostanza prodotta nel condotto uditivo di colore giallo, marrone.
È di fondamentale importanza per proteggere il nostro orecchio poiché mantiene la superficie del condotto uditivo lubrificata e previene il danno da traumi e da infezioni cutanee in quanto ha capacità antibatterica. Quindi cerume amico e non nemico, non va eliminato sempre ma solo se è in eccesso.

Normalmente le cellule epiteliali dell’orecchio spingono il cerume verso l’esterno del condotto uditivo e quindi lo eliminano facilmente. Ecco perché i vari tentativi di pulizia meccanica, a differenza di quanto si possa pensare, nulla aggiungono alla sua eliminazione, anzi possono provocare lesioni della parete del condotto e del timpano.

Quando diventa dannoso?

Il cerume diventa un problema quando forma un tappo tale da ostruire completamente il condotto uditivo.

Cosa è giusto fare?

La soluzione più semplice in questi casi è rappresentata dal lavaggio auricolare, che dovrebbe essere sempre effettuato da uno specialista. La tecnica è molto semplice, rapida ed indolore e consiste nello spruzzare dell’acqua tiepida attraverso una siringa con una buona pressione tale da espellere il tappo.

Ma per non arrivare alla situazione in cui il tappo diventi secco e ostruisca totalmente il condotto uditivo è consigliabile utilizzare, su consiglio del pediatra, delle gocce oleose che sciolgono il cerume, per cercare di fluidificarlo e favorire così la fisiologica fuoriuscita.

Sono stati vietati.

Dal primo gennaio 2019 è stata vietata la produzione e il commercio dei bastoncini di plastica per la pulizia delle orecchie – si legge -, gli unici cotton fioc legali saranno quelli di materiale biodegradabile e compostabile. Le confezioni dovranno, inoltre, riportare l’esplicito divieto di buttarli nel wc.

Attraverso le fogne, infatti, sono una grave causa di inquinamento marino e quindi se non smaltiti correttamente, possono causare danni all’ambiente e minacciare la fauna marina.

Si pensi che oltre l’80% dei rifiuti raccolti sulle spiagge italiane è rappresentato da plastiche che minacciano l’ecosistema e la salute dell’uomo. I frammenti, prodotti dalla degradazione delle plastiche, rappresentano il 46% degli “oggetti” rinvenuti lungo le spiagge italiane, dove è stata stimata la presenza di almeno 100 milioni di cotton fioc. In alcune località sono stati rinvenuti fino a 18 oggetti di plastica per metro quadro. Nessuno direbbe che sono tra le principali cause di morte delle tartarughe marine, le quali, li scambiano per cibo e li ingoiano.

Fonti web: