Come e quando andare al mare con i bambini.

Come e quando andare al mare con i bambini.

“Andiamo al mare?”

Con l’arrivo dell’estate questa è sicuramente la frase più gettonata dei bambini, che non vedono l’ora di correre in acqua e giocare con la sabbia.
Il mare offre molti benefici per i nostri piccoli, ma è bene prendere sempre le dovute precauzioni per far sì che grandi e piccini si godano la giornata in serenità.

Contenuto selezionato da Pediatotem

Con i bambini, la giornata al mare può rivelarsi particolarmente stressante, ma possiamo seguire alcune strategie che ci aiuteranno ad organizzarci al meglio, per goderci il sole e il mare in totale sicurezza e tranquillità con i nostri bimbi.

Come organizzarsi per il viaggio?

Innanzitutto, è sempre bene fare una lista di cose da portare, meglio se distinta per ogni componente della famiglia, per non dimenticare le cose fondamentali e per evitare di portare il superfluo.
Per il viaggio in macchina portate dei giochi, dei libri o improvvisate indovinelli e quiz che coinvolgano tutti e rendano divertente il viaggio.
Se il tragitto si rivela particolarmente lungo e i bambini sono stanchi, non rimproverateli; piuttosto fate delle piccole soste per fargli sgranchire le gambe e bere qualcosa di fresco.

E per la spiaggia?

I bambini sotto il primo anno d’età, possono tranquillamente andare al mare, ma sempre all’ombra e in un posto ben ventilato, evitando assolutamente le ore più calde, dalle 11.00 alle 17.00, perché rischiano il “colpo di calore”. Sono consigliati indumenti comodi e non costrittivi, in fibre naturali come il fresco cotone, che lasciano traspirare ed evaporare il sudore.
Nella borsa mare non può mancare mai tutto l’occorrente per i più piccoli.
Indispensabile è la crema solare, specifica e adatta all’età dei vostri figli, da applicare su tutto il corpo ogni due ore, ma anche costumi e pannolini di ricambio, occhialini per il sole e cappellini; la testa, infatti, non deve rimanere mai scoperta.
Sopra all’anno di età, i bambini possono avere più libertà al mare e iniziare a giocare con la sabbia, ma attenzione a tenerli troppo al sole; per evitare che questo accada si può riempire una piccola piscina gonfiabile di acqua di mare e tenerla sotto l’ombrellone, consentendogli così di continuare a giocare restando all’ombra.
Dopo i 3 anni, è possibile far giocare i bambini in maniera più libera, anche sotto il sole, l’importante è farlo nelle ore giuste e cioè sempre prima delle 11.00 e dopo le 17.00 e, ovviamente, con una protezione solare adeguata.
E allora ci si potrà sbizzarrire con palette e formine, palle, aquiloni e gonfiabili di tutte le forme per un bel bagno in acqua con mamma e papà: non dimenticate di portare con voi i loro giochi preferiti.

Regola importante: rilassarsi.

Infine, è bene ricordare che le vacanze sono anche per voi genitori.
La migliore regola per vivere serenamente le giornate al mare con i propri figli è quella di rilassarsi.
Se voi sarete sereni e tranquilli dopo aver preso alcuni accorgimenti, anche i bimbi si sentiranno felici e sapranno divertirsi senza troppe pretese, rispettando le regole stabilite da voi genitori.
Ovviamente approfittate della pausa dal lavoro per passare del tempo con loro, facendogli sentire il vostro affetto e la voglia di farli felici.

Buone vacanze.

Resta in contatto col pediatra e monitora la crescita di tuo figlio !

Disponibile Gratis su: