Malattie infettive prevenibili mediante vaccinazione: Rosolia

Malattie infettive prevenibili mediante vaccinazione: Rosolia

Fonte: Ministero della Salute, SIP e SIN

È causata da un virus che si trasmette, dopo la nascita, attraverso le secrezioni nasofaringee. Il periodo di incubazione per la Rosolia postnatale va da 14 a 23 giorni, di solito 16-18 giorni. Il periodo di massima contagiosità sembra essere compreso tra i pochi giorni precedenti la comparsa dell’eruzione cutanea e i sette giorni successivi. L’infezione nel 25-50% dei casi è asintomatica, negli altri casi si presenta come una malattia con sintomi di lieve entità caratterizzati da febbre non elevata, ingrossamento generalizzato dei linfonodi (soprattutto di quelli del collo e di quelli posti dietro la nuca) e con un’eruzione cutanea di breve durata. Il maggior rischio che la Rosolia comporta è quello di essere contratta per la prima volta in gravidanza da una donna non protetta. Il virus infatti è molto pericoloso per il feto e può causare sia l’aborto che la nascita di un bambino con gravi malformazioni a carico del cuore, degli occhi, dell’organo dell’udito e del cervello. Non esiste una terapia specifica contro la Rosolia.

Per saperne di più consulta il calendario vaccinale della tua regione, disponibile sulla “Scheda Vaccinale” in bacheca.

Resta in contatto col pediatra e monitora la crescita di tuo figlio !

Disponibile Gratis su: